13.02.2012
ON/OFF

Sometimes when I choose what to wear and it comes the moment of the coat I get into a stupid panic, gnawed by a silly terror to damage my entire look to not freeze. 
Saturday night we went at a dinner in the new apartment of our friends. Outside there were a snow storm to face, so I had to provide me a cashmere sweater, my favourite rainy booties and of course a warm coat.
The famous 'coat moment' came and it hasn't been so traumatic, quite the opposite. 
I've immortalized the passage from on to off to try to convince myself that my look was worthy also with one layer more. 
I felt very proud to use a Borsalino which seemed to be forgotten in my hatbox and I felt happy also because I wore a bracelet I've made by me with aluminium wires and hardware scraps (the little big satisfactions of DIY).
The soirèe has been delightful and my sunday too.
A very relaxing weekend with some peaks of productivity. 
Talking about that, did you read my last articles on Style.it?


A volte quando scelgo cosa mettermi e arriva il momento del cappotto entro in una sorta di stupido panico, attanagliata da uno sciocco terrore di rovinare il mio intero look a causa della necessità di non congelare. 
Sabato sera per una cena nel nuovo appartamento di amici con una bufera di neve da affrontare lungo il cammino, mi sono necessariamente dovuta dotare di un caldissimo maglione in cashmere e dei miei stivaletti della pioggia preferiti.
Il famoso 'momento del cappotto' non è stato poi così traumatico, anzi. 
Ho immortalato il passaggio da on a off per cercare di auto convincermi della validità del mio look anche coperto da uno strato in più.
Mi sono sentita molto fiera di aver indossato un Borsalino che sembrava dimenticato nella cappelliera e di aver sfoggiato un braccialetto fatto da me con fili d'alluminio e scarti di ferramenta trovati in casa (le piccole grandi gioie del DIY).
La serata è stata deliziosa e anche la mia domenica non è stata da meno. 
Un weekend rilassante, ma con picchi di produttività soddisfacenti.
A proposito di produttività, avete letto i miei ultimi articoli su Style.it?


LONDON MARKET coat   
SCOUT trousers and shirt   
JEFFREY CAMPBELL rainy booties   
BORSALINO hat

2 comments:

Sabrina T. said...

ti consolerò come mi sono consolata io leggendoti: non sei sola! lo shock da cappotto mi attanaglia tutte le volte ed è subito tragedia, rovinare il look con la giacca sbagliata è davvero facile di questi tempi:(

Patchwork à Porter

Arstcrylique said...

Esatto Sabrina, cadere in un crimine di moda da cappotto è facilissimo.
A volte per ovviare il problema, lo ribalto, partendo direttamente dal cappotto per poi creare il look, ma non è sempre possibile.
Per fortuna quest'inverno ho trovato un parka favoloso ed un cappotto caldissimo che hanno risolto la mia diatriba tra freddo e decenza estetica.
Buona giornata!

Sara Ottavia C.