New fashion designers/Collections|COVHERlab



Heavy and austere fabrics wich fall on the body and create a sweet shelter from autumn and winter cold.
The rigidity of the creations of COVHERlab’s Tallulah FW 2011/2012 collection refers to Scandinavian and Siberian winters.
Winter is so far away now, but we are able to see it borning somewhere like a cloud.
Fashion, wich has always been a crystal ball, take us forward and let us know who we are going to be.
Austerity will be the protagonist of the upcoming winter, in wich modern Jane Eyre and new hot ices will walk on the streets rolled up in layers of fabric wich will bring out a thin but strong elegance.
COVHERlab by Marco Grisolia surrends to the charm of seriousness and lead the FW 2011/2012 collection to a splendidly grey direction.
Cold but emotional colors like turquoise and magenta bring unexpected touch of crystalline light in the iced winter of greys.
Pink pigment give softness even where the heavier wool determines lines and directions.
Coats are like cocoons in wich hide yourself and cradle, holding winter in your arms.
Day dresses are un-structured and composite, like well-known common lines of new  italian fashion design command.
The longuettes with overlapped colors wich create optical illusions and unexpected cuts are the most interesting, creative and innovative part of the entire collection.
The things that shine throught most from COVHERlab’s Tallulah FW 2011/2012 collection is the intensive study of fabrics, colors and lines, elements wich the designer brings together into play with intelligence and creativity.
This collection is a perfect emblem of a necessity of an aesthetical and philosophical change of fashion design.
The care and the study are explicated in serious and clever collections wich represent a desire to give back to fashion the dignity of an high art.

//

Tessuti che cadono pesanti ed austeri sul corpo e creano un dolce riparo dal freddo dell’autunno e dell’inverno.
La rigidità delle creazioni della collezione Tallulah di COVHERlab rimanda alle atmosfere dei più duri inverni, a scenari da Siberia o da Scandinavia.
L’inverno è lontano, ma come una nuvola lo vediamo già delinearsi e formarsi.
La moda che da sempre funge da sfera di cristallo, ci porta in avanti e ci mostra come saremo.
L’austerità sarà la protagonista principale dell’inverno che verrà, nel quale moderne Jane Eyre e nuovi ghiacci bollenti cammineranno per le strade avvolte in strati di stoffa che esalteranno una sottile e forte eleganza.
COVHERlab, di Marco Grisolia cede al fascino della serietà e sceglie di indirizzare la collezione Tallulah verso una linea splendidamente grigia.
Colori freddi, ma emozionali come il turchese ed il magenta portano inaspettati tocchi di luce cristallina nel freddo inverno dei grigi.
Pigmenti di rosa donano morbidezza dove la lana più dura decide le linee e i movimenti.
I capispalla sono bozzoli nei quali chiudersi e cullarsi, tenendo in braccio l’inverno nel proprio intimo focolare.
Gli abiti da giorno sono destrutturati e composti, come le ormai note linee comuni del design emergente italiano comandano.
Colori sovrapposti che creano effetti ottici e tagli ad inserto sono le principali caratteristiche delle longuettes, elemento più creativo ed innovativo dell’intera collezione.
Ciò che traspare dalla collezione AI 2011/2012 di COVHERlab è la grande importanza attribuita allo studio di tessuti, colori e linee, che  vengono messi in gioco con intelligenza e sottile, ma forte creatività.
Questa collezione si pone come immagine di una volontà di cambiamento estetico e filosofico del fashion design.
La cura e lo studio da atelier si esplicano in creazioni serie, ingegnose e durature che rappresentano il desiderio di restituire alla moda tutta la sua dignità di arte e alto artigianato.











Main colors: grey, turquoise, magenta, burgundy 
Main fabrics: wool
Design: un-structured, oversize
Key word: seriousness
Wear with: suede colored heels, white Converse All Star, school bags
Occasion: everyday commitments, office, University, meetings, half-formal lunches and dinners


Thanks for reading,
with love.
Sara Ottavia C.


Website: Covherlab

No comments: