Illustration/Interview|Stefano Pietramala















Come lavora un illustratore in Italia? Dove e come applica le sue conoscenze e i suoi studi?

In Italia il campo di azione principale é l'editoria (che può andare da rotocalchi a libri per bambini). Ultimamente tuttavia si sta sviluppando (anche se non ancora tanto quanto negli altri paesi) l'utilizzo delle illustrazioni in campi come design, moda e musica.

In che modo l’arte è entrata nella tua vita?
Non penso che l’arte sia mai entrata nella mia vita, ma ultimamente sto provando ad avvicinarmi alla pittura.

La poetica dei tuoi lavori deriva da quali ispirazioni?
Penso che parlare di poetica nei miei lavori sia eccessivo, si tratta principalmente di una ricerca di soggetti che suggeriscano una certa atmosfera emotiva che voglio rappresentare in quel momento.

Quali sono le tecniche che prediligi e in che modo pensi che l’uso del computer influenzi l’illustrazione contemporanea?
Principalmente acrilico.
L'uso del pc può essere una mano santa come la più grande delle rovine, tutto dipende da come lo si utilizza. Spesso brutti lavori sono dovuti al fatto che alcuni pensano di poter nascondere lacune comunicative o tecniche semplicemente aggiungendo effetti "appariscenti” con l’aiuto del computer.
Intendo dire che puoi usare tutti gli effetti che vuoi, ma se devi disegnare una mano e non sai come si fa, non sai dove mettere le ombre o come funziona il suo movimento, verrà sempre una schifezza.

L’illustrazione è un’arte che può vivere da sola o ha sempre necessità di essere accompagnata ad altro (moda, narrativa...)?
L’illustrazione non può' vivere da sola in quanto non è arte di per sé, ma un semplice mezzo per trasmettere un messaggio.

Saresti capace di definire il tuo stile?
Non sono in grado di definire il mio stile, posso solo dire che la tecnica é figurativa e l'atmosfera relativamente noir.


Quali sono i tuoi modelli artistici di riferimento?

Ci sono molti mostri sacri a cui guardo molto come il nostro Munari o Charley Harper.
Parlando di illustratori contemporanei citerei James Jeans e Sam Weber. 

Illustrare è per te (in una parola)?
Silenzio












Per vedere altri lavori di Stefano Pietramala,
date un'occhiata al suo sito web




Thanks for reading,
with love.
Sara Ottavia C.

1 comment:

Anonymous said...
This comment has been removed by a blog administrator.